giovedì 23 gennaio 2014

Una volgarità poetico dialettale per sdrammatizzare: Lode alla merda



"LA LODE DELL'ECCELLENTISSIMA MERDA" del poeta Angelo Sartori
(Antica poesia veronese)

«La merda mi canto
umano prodoto 
e ci ghe da contro
che i vegna pur soto
che alora ghe spiego
con tuto el me fià
el ben infinito
che al mondo la fa…
La merda mi canto
che tuti dispressa:
la merda più mola,
la merda più spessa…
la merda che el proso
de tuti fa fora:
la merda più giala,
la merda più mora…
La merda che, ansiosa,
sospira la dona
par vedar se el corpo
del fiol… el funziona.
La merda che, a farla,
te da quei momenti
che smorsa i pensieri,
che rende contenti.
Davanti a la quale
sparisse ogni ceto:
la caga el siorasso,
la caga el poareto:
soltanto che quela
cagà dai pitocchi
la g’ha più polenta,
la casca zò a tochi
e quela dei siori,
che i g’ha più cusina,
l’è più slacquarissa,
l’è più molesina…
La merda l’è merda
ghe poco da dir,
e tuti a sto mondo
ne toca… tartir!
Ma a quei delicati 
che de ela se lagna
dichiaro, e dimostro,
che tuti… la magna!
Nei pasti che ognuno
smorfisse ogni giorno
l’è sempre la merda
che fa… da contorno:
le bele pietanse,
opur quele brute,
un poco de merda
le ghe le g’ha tute.
El manzo, gran cicia,
che tuti ghe tien,
el fa le culate
perché ‘l magna el fien,
ma el fien, po’, le quelo
che el bon contadin
el fa vegnar grando
con merda… e pissin!
I grassi polastri,
che g’ha quei galoni,
le anare, i piti,
opure i caponi
i ho visti, despesso,
becarse, contenti,

le bele merdine
cagà dai parenti,
slargar con le sate
la merda più grossa,
sercar con el beco
par torse… qualcossa;
chè, anzi, ricordo,
che un galo g’avea
tegnù così neto
che sempre el tasea,
ma un giorno ch’el m’era
scapà sul luamar
quel galo, da muto,
s’à messo a cantar…
La bela polenta
che a tuti ghe piase
e, specie a Verona,
l’è in tute le case,
la vien bela granda,
la fa la panocia,
parchè sul luame
le piante la pocia:
e in tuto el luame,
a quanto mi sò,
g’hè merda de vaca
e merda de bò…
e quel coloreto
de quan l’è maura
no credo ch’el sia
color de natura
parchè, par natura
la restaria verda:
l’è, invesse, gialota…
ghe intra la merda!
Quel tal che g’ha el nome
ingiusto de «porco»
se ingrassa soltanto
s’el vive in t’el sporco;
lassèlo pur neto,
privalo de merde
e invesse de farla
la cicia el la perde…
ma invesse infanghèlo
de merda e de pisso
te ‘arè che cul grosso,
te ‘arè che cul fisso:
lassè ch’el se sossola
in mezo a la bole
te ‘arè che petarda,
te ‘arè che brisole…

Se ci magna merda
se ciama porsei
de semo un fià tuti
par via dei osei;
e infati magnando
le passare, bele,
insieme co’l resto
va zò le buele;
ma de le buele
la boca fa uso
parchè i stronsi i ciapa
la strada del… buso:
cosìta fasendo
de osei na magnada
magnemo anca i stronsi
fermà… par la strada!
E via de ‘sto passo
che mi podaria
parlar par un ano
de ‘sta smerdaria…
da quando che Adamo
l’ha fato pecato
magnando quel pomo
che Eva g’ha dato,
dal giorno che, insoma,
par via del pometo
al mondo è vegnudo
el primo stronseto,

la merda l’ha fato
un nome catio
parchè la vien fora
soltanto de drio;
la merda mai ‘vudo
no g’ha simpatia
par quela so spussa
che fa scapar via:
e tuti guardando
da indove la vien
no sente la forsa
de dirghe de ben,
e tuti sentendo
sto efeto fetente
l’à sempre creduda
na bona da gnente…
Ma adesso, sì, basta:
adesso l’è ora
de no guardar tanto
da indò la vien fora;
adesso l’è tempo
de darghe n’ocià
al ben infinito
che al mondo la fa,
e mi spero tanto,
cantandola in rima,
de averghe refato
un poca de stima…».

Nessun commento: