martedì 19 luglio 2016

Le origini pagane della Trinità Cattolica


La dottrina della trinità non è biblica e non è insegnata nelle Scritture ebraiche (Antico Testamento).

Gli Ebrei e i primi cristiani non conoscevano alcuna trinità, la dottrina trinitariana è nata solo dopo il Concilio di Nicea del 325 D.C. prima nessun cristiano conosceva tale dogma tantomeno gli apostoli.A questo aggiungiamo il fatto che il termine Trinità sia totalmente assente nella Bibbia,sottolineando come,invece,questo fosse caro a tutte le civiltà pagane.La trinità è una dottrina e una parola molto cara ai pagani e alle religione pagane da quella egiziana a quella buddista,passando per la fenicia e la babilonese.In basso potete vedere alcune raffigurazioni di trinità pagane:


Risultati immagini per La trinita egizia
La trinità egizia: Iside Osiride Orus

Risultati immagini per La trinita capitolina
La trinità capitolina Giove giunone Minerva
Risultati immagini per La trinita induista
Trinità induista ovvero la Trimurti: Sarasvati, Lakshmi e Parvati
Risultati immagini per La trinita  babilonese Marduk, Ishtar e Nabu.
Trinità babilonese: MardukIshtar e Nabu

1 commento:

l'affabulatore ha detto...

Un caso particolare di culto della Trinità è quello che avviene nel Lazio, a Vallepietra vicino alle sorgenti dell'Aniene. Qui viene venerata una forma particolare di trinità, composta di 3 figure uguali, che vengono comunemente raffigurate come 3 immagini ripetute di Cristo e che è comunemente conosciuta come "la SS.Trinità". Uno studio della dott.ssa Maria Antonietta Tomei, pubblicato sul numero del 1986 degli Atti e memorie della Società Tiburtina di Storia e d'Arte (AAMMSTSA), mette in risalto che i comuni laziali dai quali attualmente (ogni anno di meno a dire il vero) partono i pullman di pellegrini diretti alla "Santissima" ricadono in quello che, in epoca pre-romana, era il territorio deg.i Equi. Al contrario, altri comuni vicini, ma che storicamente appartengono ad altri territori diversi da quello degli Equi, non praticano questa usanza.
Leandro Teodori